Blog Archives

Proposta d’acquisto vs Preliminare di Vendita: Quale Usare e Quando?

Nel mondo affascinante dell’immobiliare, ci sono molte fasi e documenti che delineano il percorso verso la realizzazione di un affare di successo, ed essere un agente immobiliare significa destreggiarsi tra contratti e documenti.

Tra questi ce ne sono 2 che spesso creano confusione: la proposta d’acquisto e il preliminare di vendita.

Sebbene entrambi siano fondamentali nel processo di acquisto o vendita di una proprietà, è importante comprendere le loro differenze e il momento in cui vengono utilizzati.

La Proposta di Acquisto: Il Primo Passo Verso la Meta

  • Cos’è: Un atto unilaterale con cui il potenziale acquirente manifesta il proprio interesse all’acquisto di un immobile ad un determinato prezzo.
  • Quando usarla: In fase iniziale, per esprimere un interesse concreto e vincolare solo l’acquirente.
  • Contenuto: Deve specificare i dati identificativi di acquirente e venditore, l’immobile oggetto di compravendita, il prezzo proposto, eventuali termini e condizioni sospensive (ad esempio, l’ottenimento del mutuo).
  • Vantaggi: Per l’acquirente, la possibilità di “bloccare” l’immobile in attesa di ulteriori verifiche o di stipulare il preliminare. Per il venditore, la dimostrazione di un interesse concreto da parte di un acquirente.

La Proposta di Acquisto quindi è di solito utilizzata nelle prime fasi della trattativa, quando l’acquirente desidera bloccare la proprietà e negoziare i dettagli dell’acquisto con il venditore.

È importante notare che la Proposta di Acquisto non è legalmente vincolante per entrambe le parti e può essere revocata o modificata fino a quando non viene accettata dal venditore.

Preliminare di vendita (compromesso): L’Impegno Legale Verso la Conclusione dell’Affare

  • Cos’è: Un contratto bilaterale che obbliga entrambe le parti (acquirente e venditore) all’acquisto e alla vendita dell’immobile alle condizioni stabilite.
  • Quando usarla: Una volta che l’interesse all’acquisto è reciproco e si desidera vincolare entrambe le parti in modo definitivo, in attesa del rogito notarile.
  • Contenuto: Deve contenere tutti gli elementi essenziali della compravendita, tra cui i dati delle parti, l’immobile, il prezzo, i termini di pagamento, la data del rogito, eventuali clausole sospensive o risolutive.
  • Vantaggi: Offre maggiore sicurezza ad entrambe le parti, vincolandole all’obbligo di comprare/vendere. Apre la strada al rogito notarile.

Il Preliminare di Vendita, al contrario, è quindi un documento legalmente vincolante che formalizza l’accordo tra acquirente e venditore per la compravendita di una proprietà.

Una volta firmato da entrambe le parti, il Preliminare di Vendita crea un impegno legale per completare la transazione.

Generalmente è preceduto da una fase di negoziazione in cui vengono stabilite le condizioni dell’accordo, ed è redatto da un notaio o un avvocato per garantire la sua validità legale.

Differenze:

La differenza principale tra la Proposta di Acquisto e il Preliminare di Vendita risiede nella loro natura giuridica e nei loro effetti legali. Mentre la Proposta di Acquisto è un’offerta preliminare che può essere revocata o modificata, il Preliminare di Vendita è un contratto vincolante che crea un impegno legale per entrambe le parti. In sostanza, la Proposta di Acquisto è il primo passo verso la conclusione dell’affare, mentre il Preliminare di Vendita è il documento che formalizza e regola l’accordo definitivo.

In sintesi:

AspettoProposta d’acquistoPreliminare di vendita
VincoloUnilaterale (solo acquirente)Bilaterale (entrambi)
Valore giuridicoImpegno informaleContratto valido
ContenutoMeno dettagliatoPiù dettagliato e completo
FinalitàEsprimere interesseVincolare le parti
Fase del processoInizialeAvanzata
Differenze tra Proposta d’acquisto e Preliminare di vendita

Scegliere quale utilizzare dipende dalla fase del processo di compravendita e dall’esigenza di vincolare o meno le parti.

Consiglio:

Per una maggiore sicurezza e per tutelare i propri interessi, è sempre consigliabile rivolgersi ad un professionista come un agente immobiliare o un notaio, che saprà consigliare lo strumento più adatto in base alla specifica situazione.

Hai un dubbio sul mondo dell’immobiliare? Richiedi ora la tua consulenza gratuita qui

Casa a Prima Vista: Dietro le Quinte e Realtà del Mercato Immobiliare Italiano

Ciao, sono Massimo Onofri e ti do il benvenuto sul mio Blog. Sono un agente immobiliare, e in questo blog e sul mio canale youtube parlo spesso di tematiche immobiliari.

Questa volta voglio parlare di qualcosa che è un po più leggero ed è esattamente quel format televisivo che sta andando molto di moda, quel reality che si chiama Casa a Prima Vista, un format di successo che porta un’immagine positiva ogni tanto, e meno male per gli agenti immobiliari!

È un contest che sembra piacere effettivamente molto ed ha molto seguito, si basa sostanzialmente sulle richieste di alcuni potenziali acquirenti che si rivolgono agli agenti immobiliari, esponendo la loro ricerca.

A questo punto, gli agenti immobiliari, si occupano della ricerca dell’immobile attraverso un portale vanno a selezionare quella che pensano che possa essere l’opportunità migliore per il cliente.

Lo accompagnano in visita presso l’immobile, con tutta la presentazione e lo stile di uno show televisivo ( giustamente).

Al termine della puntata, e dopo attente riflessioni, il cliente sceglie l’appartamento che preferisce e il vincitore della puntata è l’agente immobiliare che ha selezionato quell’appartamento per loro.

È tutto molto bello, mi piace molto ed è effettivamente molto interessante, ma è proprio così che funziona nella vita reale?

Quel reality è effettivamente autentico?

In parte si, in parte no, e la parte che non è autentica è probabilmente quella che piace di più a voi.

Cerco di spiegare meglio cosa intendo per “parte che non è autentica”.

Gli agenti immobiliari sono effettivamente dei colleghi, sono agenti immobiliari a tutti gli effetti. Mostrano degli appartamenti che sono realmente in vendita (il più delle volte) e l’acquirente seleziona quello che preferisce dei tre.

L’agente immobiliare viene premiato e non c’è nessun obbligo di acquistare quell’appartamento nello specifico.

Però effettivamente il format è molto interessante, si segue con molta attenzione ed è molto bello però..

La parte che non è assolutamente attendibile, rispetto a quello che succede nella realtà, è la parte della ricerca.

Casa a prima vista: Come funziona la realtà?

Ne programma voi vedete i solerti agenti immobiliari mettersi su un portale (sponsor del programma) e andare a procacciare l’appartamento cercando tra le varie offerte del portale stesso.

Questo sarebbe molto bello laddove ci fosse veramente quella realtà MLS, di cui spesso parlo e di cui faccio parte insieme ad altri colleghi (ancora troppo pochi in Italia) che è quel contenitore unico dove tutti gli agenti immobiliari mettono gli immobili e l’acquirente può scegliere quello che preferisce vedendolo con l’agente immobiliare che preferisce.

Perché tutti questi immobili sono condivisi in questo enorme contenitore, dove vengono condivisi gli incarichi, e tutti gli acquirenti possono visionare questi appartamenti con l’agente immobiliare che preferiscono.

La realtà è molto più dura perché se voi veramente doveste scegliere un agente immobiliare e chiedergli questo incarico di ricerca avrebbe una serie di ostacoli.

Innanzitutto andare a confrontarsi con altri colleghi, i quali il più delle volte non accetterebbero di collaborare con lui e quindi di portare questi clienti senza avere un compenso provvigionale.

E qua si apre tutta una serie di tematiche che di fatto rendono praticamente molto farraginoso il sistema nella realtà.

In quel programma televisivo, di fatto, hanno disponibilità a far vedere questi appartamenti e, laddove si chiudesse realmente un accordo, c’è l’agenzia che presenta effettivamente l’immobile, che non è sempre quella dell’agente che lo sta mostrando fisicamente in quel momento.

Ma dove sta la differenza con la realtà?

La parte bella che ci entusiasma è questo rapporto personale, fatto di consulenza con il cliente.

Ecco purtroppo questa parte è quella meno corrispondente con la realtà, perché purtroppo, anche gli agenti immobiliari che vedete nel programma, potrebbero proporvi solo quei pochi appartamenti di cui dispongono che non è detto che sia l’appartamento più in linea con le vostre richieste…

Diverso sarebbe se potessero avere così tanta disponibilità e un ampio raggio di opportunità.

Ma attenzione! Se fosse veramente solo quello il lavoro sarebbe un lavoro fattibile anche dal punto di vista del privato.

In realtà, la consulenza immobiliare, significa capire le esigenze e quello un aspetto molto interessante, che è reale e che fa parte del lavoro dell’agente immobiliare.

Ma per farlo al meglio, bisognerebbe avere la possibilità di disporre di un mercato molto più ampio, cosa che in realtà non succede.

Ma cosa può fare l’acquirente per trovare la casa migliore per lui?

Se vi piace così tanto il format, dovete darci una mano, quindi aiutare le agenzie a collaborare sempre di più.

Perché effettivamente quel format, che oggi è un programma televisivo molto gradevole, ma molto lontano dalla realtà operativa, possa diventare qualcosa di reale e addirittura voi possiate scegliere prima l’agente immobiliare, quello con cui vi trovate meglio, e poi andare a cercare con lui l’appartamento giusto per voi!

Del resto, il mercato è così sbilanciato, che difficilmente trovate pubblicità dirette a chi sta cercando casa. Trovate molto spesso comunicazioni rivolte ai venditori.

Questo perché è un mercato ancora molto spostato sull’immobile che rende estremamente difficile creare, nella realtà, un sistema similare a quello che vedete in tv, o viceversa a quello che succede in piccole realtà come quella di cui faccio parte.

Immobili MLS a livello nazionale, MLS a Roma e provincia, in cui con una serie di agenti immobiliari condividiamo tutto il portafoglio e diamo la possibilità ai clienti che ci scelgono di poter visionare tutti gli appartamenti che abbiamo insieme.

Come gruppo, più agenzie siamo a far parte di questo meccanismo, migliore è il servizio che possiamo offrirvi.

In conclusione

Quindi, se vi piace il format televisivo e se volete viverlo voi stessi, il passaggio migliore è andare a rivolgersi ad un’agenzia che lavora in MLS e spingere qualsiasi agenzia con cui entrate in contatto a far parte di un MLS, perché possiate così scegliervi un consulente e con questo andare a comprare la casa migliore per voi.

Spero che sia stato chiaro, è un discorso un po più frivolo rispetto a quelli che affronto di solito, ma è curioso perché veramente mi destava molta, molta impressione vedere quanto hype suscita questo format.

Effettivamente, l’aspetto più interessante è che è tutto spostato sull’acquirente, con un sistema molto simile a quello che noi, in Immobili MLS, portiamo avanti da tanti anni e molti, anche qualcuno tra i protagonisti del format televisivo, in realtà non aiuta a rendere possibile in maniera più diffusa.

Se arrivato fino a qui hai scoperto che avresti preferito ascoltare il video invece che leggere il contenuto, non ti resta che iscriverti subito al mio canale youtube!

I problemi dei portali immobiliari

I portali immobiliari possono essere un utile strumento per gli agenti immobiliari e per i potenziali acquirenti nella loro ricerca di casa. Tuttavia, basarsi esclusivamente sull’utilizzo dei portali immobiliari per vendere e cercare una casa può essere un errore per diversi motivi.

Innanzitutto, i portali immobiliari non offrono sempre una gamma completa di proprietà disponibili sul mercato. Molti proprietari scelgono di vendere la loro casa senza l’aiuto di un agente immobiliare e quindi non la inseriscono sui portali immobiliari. Inoltre, alcuni agenti immobiliari potrebbero scegliere di non inserire tutte le loro proprietà sui portali, preferendo invece utilizzare altre strategie di marketing. Ciò significa che basandosi solo sui portali immobiliari, un agente potrebbe non avere accesso a tutte le opportunità di vendita disponibili.

Inoltre, i portali immobiliari spesso non offrono una grande visibilità per le proprietà in vendita. Con così tante proprietà disponibili sui portali, le singole inserzioni possono facilmente passare inosservate tra la massa di altre annunci. Ciò può ridurre notevolmente le possibilità che una proprietà venga vista da potenziali acquirenti, rendendo più difficile per l’agente immobiliare vendere la casa.

Infine, i portali immobiliari spesso non consentono agli agenti di stabilire un rapporto personale con i potenziali acquirenti. La maggior parte delle interazioni avviene online, il che può rendere difficile per l’agente immobiliare farsi conoscere e dimostrare le proprie competenze e la propria professionalità.

Senza un rapporto personale, è più difficile per l’agente comprendere le reali esigenze e le preferenze dei potenziali acquirenti, il che può limitare la sua capacità di trovare loro la casa giusta.

In sintesi, basarsi esclusivamente sui portali immobiliari per vendere una casa può essere un errore perché non offrono una gamma completa di proprietà disponibili, possono non garantire una buona visibilità per le proprietà in vendita e non consentono agli agenti di stabilire un rapporto personale con i potenziali acquirenti. Gli agenti immobiliari dovrebbero invece utilizzare una varietà di strategie di marketing per massimizzare le loro possibilità di vendita.

Quali domande fare ad un agente immobiliare per capire se collabora

In questo articolo ti riporto alcune delle domande importanti che un venditore di casa deve fare al proprio agente immobiliare per capire se lavora veramente in collaborazione con altri agenti.

Quanti altri agenti immobiliari sono coinvolti nella vendita?

Forse una delle domande fondamentali da fare!

E’ importante chiedere all’agente quanti altri agenti immobiliari sono coinvolti nella vendita della propria casa.

Se l’agente immobiliare scelto, o la sua agenzia immobiliare, lavora da solo, ciò potrebbe significare che non dispone della rete di contatti e delle risorse necessarie per promuovere efficacemente l’immobile sul mercato.

Scegliere un agente che lavora in collaborazione con un team di agenti e agenzie, potrebbe indicare che dispone di una maggiore esperienza e di una rete più ampia per promuovere la propria casa.

Con quale frequenza collabori con gli altri agenti immobiliari?

Conseguente alla precedente la risposta a questa domanda potrebbe aiutarti a capire se le collaborazioni sono saltuarie o costanti.

Se il proprio agente lavora di frequente con gli altri agenti, questo potrebbe indicare che è ben conosciuto e rispettato all’interno della comunità immobiliare, il che potrebbe aumentare le possibilità di vendita dell’immobile perchè i colleghi condivideranno volentieri l’incarico proposto da un collega stimato.

D’altra parte, se il proprio agente non lavora di frequente con gli altri agenti, ciò potrebbe indicare che non dispone di una rete di contatti adeguata e che potrebbe non essere apprezzato nella comunità e in grado di promuovere efficacemente il tuo immobile sul mercato.

Sei membro di un’associazione professionale?

Infine, è importante chiedere al proprio agente se è membro di un’associazione professionale la confederazione reti mls Italiaimmobilimls, un’organizzazione che rappresenta gli interessi degli agenti immobiliari e che offre loro formazione continua e supporto per migliorare le loro competenze e conoscenze.

Essere membro di questa associazione potrebbe indicare che l’agente scelto è serio e professionale nella propria attività.

In conclusione

Chiedere al proprio agente se collabora con altri agenti immobiliari è un modo importante per capire se è ben connesso alla comunità immobiliare e se dispone delle risorse necessarie per promuovere efficacemente la propria casa sul mercato.

Fare queste domande può aiutarti a scegliere l’agente giusto per la tua situazione e aumentare le possibilità di vendita della propria casa.

La cattiva reputazione degli agenti immobiliari in Italia

Gli agenti immobiliari in Italia hanno una reputazione generalmente negativa, con molti italiani che li vedono come truffatori o imbroglioni.

Quali sono le ragione della pessima fama degli agenti immobiliari?

Innanzitutto, la concorrenza nel settore immobiliare in Italia è molto elevata, con un gran numero di agenti immobiliari che lavorano per attirare clienti.

Questo può portare alcuni agenti a ricorrere a pratiche poco etiche per ottenere un vantaggio sui loro concorrenti.

Ad esempio, alcuni potrebbero cercare di gonfiare il prezzo di una proprietà per ottenere una commissione più alta, mentre altri potrebbero nascondere informazioni importanti ai loro clienti per fare una vendita più facile.

Il settore immobiliare in Italia è spesso oggetto di truffe e frodi

Alcuni agenti immobiliari potrebbero approfittare della disattenzione, se non della disperazione, di un potenziale acquirente che cerca una casa per truffarlo.

Il metodo più comune è quello di far pagare un deposito per una proprietà che non esiste o che è già stata venduta.

Queste truffe, chiaramente, non danneggiano solo i singoli individui che ne sono vittime, ma anche la reputazione del settore immobiliare in generale.

Gli italiani hanno una tradizione di diffidenza nei confronti degli agenti immobiliari

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che il mercato immobiliare in Italia è stato instabile in passato, con molti cambiamenti di proprietà e fluttuazioni dei prezzi.

La cultura italiana, inoltre, è fortemente legata alla proprietà della casa, quindi vendere o acquistare una proprietà può essere visto come una decisione molto importante ed emotiva.

Da questo punto di vista, molti italiani, sono diffidenti nei confronti di chi li aiuta e supporta in questo processo di transizione della loro vita.

In poche parole

Gli agenti immobiliari in Italia, ahimè, non godono di buona reputazione a causa di pratiche poco etiche, truffe e frodi nel settore, e per una tradizione di diffidenza nei loro confronti.

Sebbene ci siano sicuramente agenti immobiliari onesti e professionali in Italia, la reputazione del settore nel suo complesso è stata danneggiata da coloro che non lo sono.

La speranza che avvenga un cambiamento, è legata alla possibilità che proliferi la cultura mls, ovvero reti di collaborazione tra agenzie immobiliari, tra gli agenti e tra i clienti.

Cosa è l’MLS nel settore immobiliare?

Negli ultimi anni, si è assistito a un aumento dell’utilizzo delle reti di collaborazione tra agenti immobiliari.

Questo modello, che prevede la creazione di un gruppo di colleghi che collaborano per promuovere e vendere immobili, può offrire vantaggi significativi, come una maggiore visibilità delle proprietà e la possibilità di raggiungere un pubblico più ampio.

Tuttavia, ci sono anche alcuni problemi che possono sorgere in questo tipo di collaborazione.

Uno dei principali problemi è che gli agenti immobiliari coinvolti potrebbero non essere disposti a condividere tutte le loro proprietà con il gruppo.

Potrebbero scegliere di condividere solo quelle che ritengono meno vendibili, sperando di ottenere almeno qualche interesse.

Questo può creare una situazione in cui la rete, e le agenzie immobiliari che la compongono, non dispongono di una gamma completa di proprietà da offrire ai potenziali acquirenti.

Portando ad una conseguente mancanza di trasparenza nella vendita delle proprietà, poiché gli agenti potrebbero non essere del tutto onesti sullo stato delle proprietà che stanno condividendo.

Come risolvere quindi questi problemi di collaborazione tra agenti immobiliari?

Per risolvere questi problemi, è importante che gli agenti immobiliari coinvolti nella collaborazione si impegnino a condividere tutte le loro proprietà con il gruppo.

In questo modo, sarà possibile offrire ai potenziali acquirenti una gamma completa di opzioni e garantire che gli interessati siano pienamente informati sullo stato delle proprietà in vendita.

E’ quindi fondamentale che i membri del gruppo di collaborazione lavorino insieme per stabilire regole chiare e trasparenti per la vendita delle proprietà.

Questo aiuterà a garantire che tutti gli agenti immobiliari coinvolti operino in modo equo e trasparente, offrendo ai potenziali acquirenti la massima trasparenza possibile.

E’ quindi utile aderire ad una rete di collaborazione come MLS?

In conclusione, le reti di collaborazione tra agenti immobiliari possono offrire molti vantaggi, ma è importante che gli agenti coinvolti condividano tutte le loro proprietà e lavorino insieme per stabilire regole chiare e trasparenti per la vendita delle proprietà.

In questo modo, sarà possibile offrire ai potenziali acquirenti una gamma completa di opzioni e garantire che gli interessati siano pienamente informati sullo stato delle proprietà in vendita.

Perchè conviene scegliere un’agenzia immobiliare che collabora

Quando stai cercando una nuova casa, il processo può sembrare scoraggiante.

Devi trovare il quartiere giusto.. la casa giusta.. negoziare un accordo.. C’è molto da destreggiarsi!

Ecco dove, un agente immobiliare preparato e collaborativo, può tornare utile. Ma non tutti gli agenti sono uguali.

Chi è e cosa fa un Agente Immobiliare collaborativo?

Un Agente Immobiliare che collabora è un professionista del settore “casa” che mette le tue esigenze al primo posto, vuole assicurarsi che tu sia soddisfatto del tuo acquisto e non guarda solo al profitto.

Un Agente Immobiliare collaborativo lavorerà con te come tuo partner, non è solo qualcuno che sta cercando di venderti una casa.

Ti aiuterà a trovare la casa giusta e ti guiderà attraverso l’intero processo, dalla ricerca del finanziamento alla chiusura della vendita.

Sarà lì per te anche dopo la vendita, aiutandoti con tutto ciò di cui potrai avere bisogno, perchè l’acquisto di una casa non si conclude sempre con il “rogito“.

Scegliere quindi un’agenzia immobiliare collaborativa vale la pena perché ti aiuterà con tutte le tue esigenze immobiliari, impegnandosi a fornire un servizio di qualità e ad supportarti in tutte le tue esigenze per raggiungere gli obiettivi che desideri.

Ti forniranno informazioni, risorse e supporto durante il processo di acquisto o di vendita.

Perché la collaborazione è importante nel settore immobiliare

Quando si vende o si acquista una casa, avere un professionista immobiliare esperto al proprio fianco è “banalmente” fondamentale.

Tuttavia, lavorare con un solo agente può essere limitante, territorio di azione limitato, portfolio clienti/acquirenti ristretto alla sola agenzia, immobili disponibili selezionabili solo in quelli per cui ha ricevuto il mandato, ecc ecc…

Ma scegliendo un’agenzia immobiliare che collabora, ottieni il meglio di entrambi i mondi: l’esperienza di un agente locale unita alla portata nazionale di un gruppo che lavora in sinergia.

Sono molte le ragioni per considerare di collaborare con più di un agente immobiliare quando si acquista o si vende casa.

Provo ad elencare gli elementi fondamentali:

  • Cerchi Casa: lavorando con più agenti, avrai accesso a più proprietà tra cui scegliere;
  • Vendi Casa: Hai più potenziali acquirenti, perchè ogni agente immobiliare può gestire un numero, per quanto ampio, limitato di utenti;
  • Gli agenti, nel loro gruppo, possono condividere competenze e contatti, il che può aiutare a semplificare il processo e far vendere o acquistare la tua casa più velocemente;
  • L’utilizzo delle competenze di due o più agenti ti aiuta a proteggerti nel caso qualcosa “vada storto”.

Come riconoscere quindi un’agenzia immobiliare che collabora veramente dalle altre agenzie?

Quando si sceglie un’agenzia immobiliare collaborativa, è importante considerare alcuni fattori:

  1. L’agenzia ha una buona reputazione ed è nota per lavorare bene con altre agenzie, forse banale ma non scontato.. ;
  2. L’agenzia dispone di un sistema consolidato per lavorare con altre agenzie immobiliari. Questo sistema include una serie di procedure per la condivisione delle informazioni, come l’elenco dei dati, le suddivisioni delle commissioni e le informazioni di contatto;
  3. E’ fondamentale scegliere un’agenzia immobiliare che risponda alle tue esigenze e richieste, se ti limiti ad un agenzia sola potresti avere problemi con l’agente immobiliare che ti segue. Se cerchi in un gruppo puoi scegliere l’agente immobiliare che più ti soddisfa (Io ovviamente 🙂 );
  4. E’ importante assicurarsi che l’agenzia scelta sia in possesso dell’abilitazione professionale.

Cosa cercare in un’agenzia immobiliare collaborativa:

Un agente collaborativo è qualcuno che mette le tue esigenze al primo posto e vuole assicurarsi che tu sia soddisfatto del tuo acquisto, e non solo lui della sua provvigione.

I vantaggi della collaborazione tra agenzie immobiliare include: un migliore servizio clienti, materiali di marketing più dettagliati, personale dedicato per gestire le esigenze e accesso a offerte speciali e sconti.

Quando scegli un agente immobiliare quindi, cercane uno validato da IMMOBILI MLS.

CONCLUSIONI

Scegliere un’agenzia immobiliare che collabora (veramente) vale la pena per diversi motivi, ti consente di condividere le risorse e assicurarti che entrambe le parti ottengano il miglior servizio possibile.

In secondo luogo, le reti hanno spesso politiche etiche più rigorose rispetto alle tradizionali agenzie immobiliari, il che significa che è più probabile che trattino i clienti in modo equo ed etico.

Comprare Casa a Roma, secondo l’intelligenza artificiale

Se stai cercando una casa a Roma, ci sono alcune cose che puoi fare per facilitare la tua ricerca e trovare l’abitazione perfetta per te.

Innanzitutto, è importante avere un’idea chiara del tipo di casa che stai cercando e del budget a tua disposizione.

Valuta attentamente le tue esigenze e le tue aspettative, e cerca di essere il più preciso possibile nella definizione delle tue preferenze. In questo modo, sarai in grado di individuare più facilmente le case che soddisfano le tue richieste.

Un altro modo per cercare casa a Roma è quello di utilizzare i motori di ricerca.

Esistono diversi siti web che offrono annunci di case in vendita o in affitto a Roma, come ad esempio Immobiliare.it o Casa.it.

Utilizzando parole chiave come “casa a Roma” o “appartamento a Roma“, potrai trovare una vasta gamma di annunci e sfogliare le foto delle case disponibili.

Se hai difficoltà a trovare la casa dei tuoi sogni online, puoi anche rivolgerti a un’agenzia immobiliare.

Le agenzie immobiliari hanno una grande esperienza nel settore e possono aiutarti a trovare la casa che fa al caso tuo, anche se non è presente online.

Tieni presente che le agenzie immobiliari possono richiedere una commissione per i loro servizi, quindi assicurati di chiedere preventivamente quali sono i loro costi.

Infine, non dimenticare di considerare anche altre opzioni, come ad esempio l’affitto di una casa o l’acquisto di una casa in una zona diversa da Roma.

Con un po’ di pazienza e impegno, potrai trovare la casa dei tuoi sogni a Roma.

Che ne pensate di quanto ha scritto “Chat GPT”? Ti sembra tutto corretto?

“Le agenzie immobiliari vendono veramente più velocemente dei privati? Il mio commento critico su una recente analisi”

Ciao a tutti, oggi voglio condividere con voi il mio commento critico su questo articolo che ho trovato sul sito de Il Sole 24 Ore:

Case, le agenzie vendono gli immobili nella metà del tempo di un privato

Prima di tutto, specifico che non voglio entrare nel merito della qualità o meno dei servizi offerti da chi ha pubblicato il report e che riconosco che questo articolo è di certo un’ottima mossa in chiave di marketing e relazioni b2b sulla quale non trovo nulla da eccepire in tal senso.

Anzi, li ammiro per la loro abilità nel creare contenuti accattivanti e persuasivi per il loro pubblico di riferimento.

Chapeau!

Analizziamo l’articolo del Sole 24 Ore

L’articolo sostiene che le agenzie immobiliari sono in grado di vendere gli immobili in metà tempo rispetto ai privati, basandosi su uno studio recente.

A prima vista, sembra un dato molto positivo per il settore immobiliare, che dimostra l’efficacia e la professionalità delle agenzie.

Tuttavia, leggendo con più attenzione, mi sono reso conto che l’articolo presenta diversi problemi e limiti, che ne minano la credibilità e la validità.

Innanzitutto, mancano i dati di riferimento e la modalità di analisi dello studio.

Non si capisce bene quali siano le fonti, il campione, il periodo e i criteri utilizzati per confrontare le vendite tra agenzie e privati.

Si parla di “media nazionale“, ma non si specifica come sia stata calcolata e quali siano le differenze regionali o locali.

Si parla di “tempo medio di vendita“, ma non si spiega come sia stato misurato e quali siano le variabili che lo influenzano (qualità dell’immobile, prezzo, zona, domanda, offerta, ecc.).

Si parla di “prezzo finale“, ma non si chiarisce se si tratta del prezzo di vendita effettivo o di quello richiesto inizialmente.

Alcune delle domande a cui non sono riuscito, al momento, a trovare risposta, forse per mia incapacità:

  • Qual è il metodo di analisi usato per calcolare i tempi medi di vendita? Si tiene conto delle differenze territoriali, delle tipologie e delle condizioni degli immobili, delle aspettative e delle esigenze dei venditori e degli acquirenti?
  • Qual è il campione di riferimento? Si tratta solo degli annunci pubblicati su un dato portale o si considerano anche altre fonti e canali di vendita? Quanti annunci sono stati effettivamente venduti e in che modo?
  • Qual è il margine di errore dello studio? Si tratta di una stima approssimativa o di una misura precisa e affidabile?
  • Qual è il contesto in cui si inserisce lo studio? Si tiene conto delle dinamiche del mercato immobiliare nel periodo considerato, caratterizzato da una forte domanda e da una scarsa offerta, che favoriscono le vendite rapide e i prezzi elevati?

In secondo luogo, l’articolo sembra avere un tono troppo favorevole alle agenzie immobiliari, senza considerare altri aspetti o punti di vista.

Si dà per scontato che le agenzie siano sempre la scelta migliore per chi vuole vendere casa, senza tenere conto dei costi, dei rischi e delle esigenze dei venditori.

Si ignora del tutto il fatto che ci siano anche delle differenze qualitative tra le agenzie immobiliari, che non tutte offrono lo stesso servizio e la stessa competenza ma non abbiamo alcun dato al riguardo.

Inoltre, l’articolo apre anche scenari di interpretazione diversa, basti pensare alla scarsa differenza di adeguamento del prezzo finale tra agenzie e privati (meno del 2%).

Questo potrebbe significare che le agenzie non sono così brave a valorizzare gli immobili o a negoziare i prezzi, oppure che i privati sono più informati e consapevoli del valore delle loro case.

Sto provando semplicemente a cambiare la prospettiva con cui si possono guardare i numeri.

Insomma, l’articolo mi ha lasciato molto perplesso e deluso. Penso che sia un esempio di come non si debba fare informazione e comunicazione nel settore immobiliare.

Spero che in futuro ci siano più articoli seri e approfonditi su questo argomento, che riguarda moltissime persone e famiglie in Italia.

In Conclusione

Una considerazione sulla categoria di cui faccio parte: l’articolo è stato condiviso con molto entusiasmo da molti agenti immobiliari sui social, ma questo aumenta la sensazione di un approccio superficiale e sensazionalistico degli agenti a un tema cruciale.

Invece di basarsi su uno studio poco chiaro e discutibile, gli agenti immobiliari dovrebbero creare una propria analisi del mercato, basata su dati reali e verificabili, e confrontarsi con i propri clienti in modo trasparente e onesto.

Sembra invece proseguire quel trend che vede la categoria mai padrona del suo destino, anzi intenta a perpetrare una forma di autoinganno e di delega ad altri del proprio ruolo professionale.

Siamo ancora lontani da una categoria che fa le sue analisi in modo autonomo e indipendente, invece di affidarsi a terzi esterni che spesso hanno interessi diversi dai nostri.

Che si tratti di società specializzate in big data analysis o di qualsiasi altro attore del mercato immobiliare, dobbiamo imparare a guardare con occhio critico e ad assumerci la responsabilità del nostro destino.

Forse l’MLS, con il suo potenziale di creare una rete di agenti immobiliari che lavorano insieme in modo più trasparente e collaborativo, potrebbe essere la risposta.

Ma prima dobbiamo imparare a essere consapevoli delle nostre esigenze e dei nostri obiettivi, e a non farsi influenzare troppo facilmente da articoli che sembrano troppo belli per essere veri.

In fondo, l’immobiliare è un settore che richiede una grande dose di realismo e pragmatismo, oltre che di creatività e flessibilità.

E se ci mettiamo tutti insieme, possiamo creare una categoria più forte e indipendente, che non si limita a seguire il vento delle tendenze del momento.

Problemi che puoi avere con gli agenti immobiliari (che non collaborano)

Gli Agenti Immobiliari che non collaborano, e che non fanno parte di una rete come quella di ImmobiliMLS, possono causare con i loro colleghi una serie di problemi per i clienti che cercano di acquistare o vendere casa.

Che tipo di problemi puoi avere?

Innanzitutto, il mancato lavoro di squadra può limitare le opzioni a disposizione dei clienti.

Se vuoi comprare casa

Gli agenti immobiliari che lavorano da soli potrebbero avere accesso solo a un numero limitato di proprietà e di contatti interessati. Questo si traduce in una riduzione della possibilità, per i clienti acquirenti, di trovare la casa dei loro sogni o di ottenere il miglior prezzo per la loro proprietà.

Se vuoi vendere casa

Il mancato lavoro di squadra può rendere più difficile per gli Agenzie immobiliari trovare acquirenti o venditori per le proprietà che rappresentano.

Se un agente immobiliare lavora da solo, potrebbe non avere accesso alla rete di contatti di altri agenti immobiliari, il che può rendere più difficile trovare acquirenti interessati alle proprietà che rappresenta.

Che tu voglia vendere o comprare casa

Il mancato lavoro di squadra può creare confusione e incertezza per i clienti.

Se un agente immobiliare lavora da solo, potrebbe non avere un supporto o una consulenza da parte di altri colleghi, il che può rendere difficile per i clienti prendere decisioni informate sull’acquisto o la vendita di una proprietà.

In conclusione

Il mancato lavoro di squadra tra gli agenti immobiliari può causare una serie di problemi per i clienti, come limitare le loro opzioni, rendere più difficile per gli agenti immobiliari trovare acquirenti o venditori e creare confusione e incertezza per i clienti.

Per offrire un servizio migliore ai clienti, gli agenti immobiliari dovrebbero lavorare insieme e collaborare per garantire che i clienti abbiano accesso a una vasta gamma di opzioni e che possano prendere decisioni informate.

Breve Guida per vendere casa

Se stai pensando di vendere la tua casa a Roma, ci sono alcuni passi che puoi seguire per rendere il processo il più semplice e proficuo possibile.

6 step per vendere casa

  1. Valutare l’immobile: Prima di tutto, è importante che tu faccia una valutazione accurata del tuo immobile. Cerca di capire quanto può essere il tuo prezzo di vendita ideale, confrontando il prezzo di case simili nella tua zona e tenendo conto delle condizioni e delle caratteristiche della tua casa.
  2. Prepara la casa: Una volta che hai una stima del prezzo di vendita, è il momento di preparare la tua casa per essere messa in vendita. Pulisci accuratamente ogni stanza, elimina il disordine e personalizza gli spazi per renderli più attraenti per i potenziali acquirenti.
  3. Crea l’annuncio di vendita: Dopo aver preparato la tua casa, è il momento di creare un annuncio di vendita. Scrivi una descrizione dettagliata e accattivante del tuo immobile, mettendo in evidenza le sue caratteristiche e i suoi punti di forza. Includi anche alcune foto professionali che mostrino la tua casa al meglio.
  4. Diffondi l’annuncio: Una volta che hai creato il tuo annuncio, è il momento di pubblicarlo sui principali siti di annunci immobiliari. In questo modo, potrai raggiungere un ampio pubblico di potenziali acquirenti.
  5. Sii professionale: Quando inizierai a ricevere richieste di visita, assicurati di essere disponibile e flessibile per concordare gli appuntamenti. Mostra la tua casa in modo professionale e rispondi alle domande dei potenziali acquirenti in modo chiaro e trasparente.
  6. Valuta le offerte: Quando riceverai un’offerta di acquisto, valuta attentamente le condizioni e confronta il prezzo con la tua stima iniziale

Per ogni ulteriore informazione sono a tua disposizione per una videoconsulenza gratuita